Thomas Sankara Il presidente ribelle

 

curato da Marinella Correggia

discorsi tradotti da Marinella Correggia

 ISBN  88-7285-150-5

1997, pagine 64, Edition ManifestoLibri

indirizzo edition :  Tel. +39 06 5881496   Fax +39 06 5882839

Adresse courriel : [email protected]  [email protected]

Sito : http://www.manifestolibri.it/

Presentazione

Il volume raccoglie una scelta dei principali discorsi del leader rivoluzionario del Burkina Faso, assassinato, a 37 anni, il 15 ottobre del 1987. Sankara aveva guidato il poverissimo paese del Sahel in una rivoluzione inedita, di cui questi discorsi illustrano efficacemente i principi: democrazia diretta, economia autocentrata e sostenibile, liberazione della donna, lotta ai privilegi, solidarietà internazionale.

Thomas Sankara (21 dicembre 1949, Alto Volta). Studente brillante ma povero viene avviato alla carriera militare in Madagascar, poi in Francia. Di ritorno in Burkina come capitano, inizia l’attività rivoluzionaria (Roc: unione degli ufficiali comunisti). Dopo il colpo di stato del 1980, Sankara diventa sottosegretario di stato all’informazione ma si dimette, e poco dopo viene arrestato. Il colpo di stato dell’83 porta al potere il capitano Ouedraogo e Sankara diventa primo ministro. Inizia la lotta alla miseria rurale e alla corruzione urbana preparando il terreno per la rivoluzione. Il suo arresto, a causa di una soffiata francese, provoca una protesta di piazza che termina con la destituzione di Ouedraogo. Alle 22.00 del 4 agosto 1983 il 34enne Sankara annuncia alla radio l’inizio della rivoluzione; il 2 ottobre il presidente Sankara pronuncia il discorso di orientamento politico: riforme strutturali ed economiche dell’Alto Volta (sanità di base, alfabetizzazione, lotta alla desertificazione). Il 4 agosto 1984 l’Alto Volta diventa Burkina Faso. Sankara lancia anche un’offensiva diplomatica: non pagamento del debito, disarmo, nuovo ordine internazionale, unità africana, razzismo. La politica di rigore, però, sviluppa malcontento anche tra i membri di governo e il 4 agosto 1987, per scongiurare nuove lotte lascia il governo a Compaoré (alleato di sempre, che aveva preso ormai le distanze dalla sua politica). Non ci riesce e il 15 ottobre 1987 alle 16.30 viene assassinato insieme a 11 tra i suoi consiglieri e guardie, e i loro corpi verranno gettati nella fossa comune. E’ il colpo di stato di Compaoré.

 

Indice

Introduzione di Marinella Correggia

Thomas Sankara biografia

Discorsi

Parlo in nome di tutti coloro che soffrono in ogni angolo del mondo  (4 ottobre 1984)

L’Africa non paghi il debito estero e non compri più armi  (Addis Abeba 1986)

L’obiettivo concreto della rivoluzione è la felicità  (4 agosto 1987)

Omaggio a Che Guevara: nessuno può uccidere le idee (8 ottobre 1987)

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.